Ghirlanda semplice di pigne

La ghirlanda è una delle più tipiche e tradizionali decorazioni natalizie, si può realizzare con elementi vegetali freschi, come con i rami di conifera oppure con altri materiali. La classica ghirlanda di pigne, cambia look e diventa più glamour semplicemente se dipinta con una tonalità insolita come l’azzurro polvere. Avevo realizzato questo progetto nel 2016 per un inserto sul Natale di Casa Facile (magari qualcuno di voi lo ricorda) ed è stato uno dei miei primi lavori come BloggerFC.

Se hai fatto scorta di pigne per accendere il fuoco, oppure hai in programma una gita in un bosco per procurartele, seleziona quelle più sane che presentano le brattee bene aperte, non ne occorrono molte, e se le trovi con le brattee chiuse per l’umidità, in questo post ti racconto come fare aprire le pigne,,  basta poi un po’ di fil di ferro e munirti di un po’ di pazienza per creare una composizione omogenea.

Sarà facile che ti prenda la mano, quindi meglio raccogliere qualche pigna in più così da avere materiale sufficiente per realizzare ghirlande anche da regalare agli amici

Cosa occorre per creare la ghirlanda di pigne:

 

 

 

  • Base di rami intrecciati (da acquistare già pronta o fai da te)
  • Pigne di abete
  • cesoie
  • Filo di ferro da fiorista
  • Spago per appendere la ghirlanda
  • Vernice all’acqua Fleur Paint
  • Pennell

Come fare la ghirlanda di pigne

Procurati una base già pronta solitamente realizzata in vimini, oppure preparala intrecciando i tralci di alcune piante che producono rami piuttosto lunghi e flessibili come quelli della clematide, del glicine, della vite o quelli dei kiwi, o di altre specie che più facilmente troverai disponibili.

Passo passo come procedere per creare la ghirlanda di pigne

  • Passa il filo di ferro sottile tra le brattee inferiori di una pigna (le squame legnose) e fissala sulla base, prosegui inserendo altre pigne che dovrai man mano fissare alla ghirlanda esercitando molta tensione con il fil di ferro.

  • Aggiungi le pigne accostandole senza badare alla loro dimensione o alla direzione, sistemale in ordine casuale cercando solo di creare un insieme armonioso. Prosegui fino a completare la ghirlanda.

 

 

  • Pittura la ghirlanda con una vernice all’acqua del colore prescelto, se ti piace l’effetto mat e coprente, divertiti con la venice di Fleur Paint è una pittura a base acrilica che si applica senza problemi su tutte le superfici senza necessità di trattare con aggrappante.

  • Inserisci uno spago per appendere la ghirlanda e a piacere decorala con un filo di luci al led.

 

 

Fare scorta di pigne

Chi è previdente, a fine settembre, e dopo una giornata di forte vento, avrà fatto un salto nel bosco con sacchi e cestini per fare scorta di pigne. Le più comuni sono quelle del pino nero Pinus nigra, una conifera che produce in abbondanza pigne di medie e piccole dimensioni ma spesso nei parchi cittadini sono presenti anche imponenti esemplari di cedro del Libano, Cedrus libani, sono maestose conifere che producono particolari pigne la cui forma ricorda quella delle rose.

 

 

 

Se ti piacciono le pigne e vuoi realizzare altri lavori ti consiglio di guardare anche questi post con tutorial:

la pigna è sempre stata utilizzata come elemento di arredo trasformata in decoro di ferro, cemento o ceramica, se vuoi conoscerne la simbologia e la storia del suo utilizzo in giardino, puoi leggere qualcosa di più nel mio post Pigne nell’arredo giardino.

Fammi sapere se questo articolo ti è piaciuto e se hai altre curiosità sulle pigne, scrivimi nei commenti ti risponderò e magari mi darai spunto per nuovi post sull’argomento.

Seguimi su Instagram @aboutgarden puoi trovare tante consigli di giardinaggio e
ogni giorno condivido nelle stories idee per decorazioni in stile naturale

Rispondi