la Rosiera, giardino segreto in Liguria

Mentre le gemme
stanno ora ingrossando sui rami spinosi in attesa della buona stagione, in tutto il loro splendore, rose già sbocciate, sono le protagoniste di un suggestivo giardino ospitato sulle prime alture dell’entroterra savonese.
Nato dalla passione del suo proprietario, professore in storia dell’arte, conserva alcuni elementi antropici tipici della zona di provenienza culturale contadina, le stesse strutture e i materiali usati, muretti a secco di pietra locale e pergole in castagno, ne sono testimonianza. La proprietà risalente agli anni ’30 è stata acquistata nel 1986, il giardino ha iniziato a prendere forma dopo attenta valutazione degli elementi preesistenti e delle peculiarità del luogo.

ingresso con pergola in castagno sulla quale poggia una vigorosa R. Albertine.

L’area venne col tempo suddivisa principalmente in due parti con tematiche distinte delimitate da siepi di bosso che assieme a tralicci in castagno dallo sviluppo verticale, contribuiscono alla realizzazione di diversi piani prospettici e sono base delimitante di più stanze di verzura. Tutte le piante per lo più nate da seme o talea sono frutto di paziente ed accurata ricerca e scambio amatoriale con “colleghi” di passione.

Un primo giardino dall’aspetto più rustico è stato realizzato intorno ad un percorso sinuoso ispirato alle curve del paesaggio. La vegetazione è raccolta all’interno di aiuole leggermente rialzate a collinetta e rappresenta, principalmente, varietà e cultivar di specie (cisto, lavanda, mirto, ginepro, aquilegia, spirea, ulivo, viburno, nespolo germanico, ginestra dei carbonai, àcanto, ecc.) tipiche dell’ambiente ligure intermedio tra la macchia mediterranea e la vegetazione montana, o tradizionali varietà coltivate nei vecchi giardini.

il giardino rustico

La creazione del giardino è poi proseguita con un ampio spazio dedicato alla rosa che ne ispirerà il nome stesso: La Rosiera.

L’amore per questo fiore si manifesta al proprietario con il ritrovamento, accanto ad una vecchia casa del vicinato, di una rosa spinosissima e molto profumata. La curiosità porta alla classificazione di una rosa antica muscosa. Assieme al nascere della passione ha inizio anche una ricerca tra vecchi giardini, ruderi, cimiteri in giro per l’Italia e in altri paesi europei.
Il terreno è stato modellato su due livelli con un andamento a cavea teatrale. La distribuzione delle quasi cento piante tiene conto delle differenti famiglie in cui sono classificate le rose storiche (galliche, damascene, alba, muschiate, portland, pimpinellifolia).  Al livello più basso si trovano le rose ottocentesche caratterizzate dalla rifiorenza come le cinesi, bourbon, ibridi rifiorenti, tea, rugose ecc.

da sx: R. Félicité et Perpétue R. Cèlestial –  R. alba incarnata

giardino delle rose

Un sentiero obbligato conduce il fortunato visitatore a ripercorre la storia di questo fiore in una profusione di colori e profumi godendone appieno l’effimera bellezza. Ho potuto più volte apprezzare l’incanto della Rosiera sia in veste privata sia come accompagnatrice di alcuni gruppi di appassionati del verde, sempre accolta con grande cortesia dal professore – giardiniere a da sua moglie, compagna di avventura anche nelle “estreme ricerche internazionali”.

Ogni incontro è piacere condiviso nel discorrere tra arte e giardinaggio, le ore volano assieme ai pensieri, carichi di nuove idee e nuovi progetti.

da sx: R. Little Gem R. Comte de Chambord – R. Konigin von Danemark

 

vi invito a seguirmi anche su L’orto di Michelle

13 Comments

  1. Incanto.
    Ma in primavera, a fare una delegazione di trasognanti viaggiatori alla Rosiera,
    ci accompagni a scoprire l’incanto di questo paradiso in terra?
    Guarda che comincio a raccogliere adesioni…
    grazie di cuore grande, Elena.

  2. Ho avuto la fortuna di visitare questa meraviglia due anni fa. Lo consiglio a tutti gli appassionati. Grazie Simonetta

  3. Dev’essere molto bello in ogni stagione!
    E’ un giardino privato, ma eventualmente visitabile quindi?
    Mi piacerebbe proprio poterlo ammirare in tutto il suo splendore! 🙂
    Grazie mille! 🙂

  4. che meraviglia… quel sentierino ciottolato e quella panchina? cosa non darei in una giornata di primavera poter essere seduta li con un buon libro… buona notte!

  5. amando molto le rose, ma conoscendole ancora poco, non nego che se La Rosiera fosse vicina, una o più capatine ce le farei…. grazie per avermela fatta conoscere. Magari un giorno riuscirò a visitarla!

  6. Magnifico e romantico giardino!!
    Complimenti al professore-giardiniere e a sua moglie che curano questo incantevole paradiso! La scelta delle rose e l’ambientazione riporta indiero nel tempo, sembra quasi di vedere le damine di Renoir che passeggiano con l’ombrellino fra quesi sentieri!
    Mi piacerebbe tanto visitarlo, insieme a mia sorella Delia, chissà che non si riesca davvero ad organizzare un tour insieme a te! 😉

  7. Gulp! Con un po’ di tempo in più a mia disposizione ed ecco che scopro tutta la tua rubrica sui giardini. Gardens. Farò una full-immersion. Bello!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: