nuovi stili del Flower Design

Così come nella moda, 

nell’arredo e nel design, anche il settore della decorazione floreale e il giardinaggio subiscono continua trasformazione per adeguarsi alle tendenze della società, i cambiamenti sono percepiti dai designer e vengono tradotti in proposte che mutano velocemente così ogni stagione è caratterizzata da colori e texture differenti. 

Piante da appartamento 

Le tendenze più attuali del verde puntano l’attenzione più sulla pianta che sul reciso oltre che per un piacere estetico, sono soprattutto utili in quanto purificano l’ambiente e fanno bene al benessere fisico dell’uomo, numerosi studi dimostrano infatti che le piante hanno un’influenza diretta, la loro vicinanza è cioè sufficiente a far sì che la salute ne risenta in maniera positiva, in Giappone le passeggiate nei boschi sono prescritte dai medici!

Arredare la casa con le piante, porta profitto anche in termini di risparmio economico in quanto prendendosene cura in maniera adeguata dureranno diversi anni, il nuovo trend non poteva che eleggere il verde come colore predominante, in tutte le sue sfumature, in casa via libera alle piante della nonna, ritornano in auge filodendro, potos, sanseveria e le succulente che in realtà non sono mai passate di moda, per chi ha spazio invece, banano e kentia sono il must del momento.

In casa le piante vere si mescolano ai disegni botanici incorniciati e disposti a gruppi alle pareti, oppure trasferiti come stampe sul tessile.

Fiori naturali e colori pastello

Meno fiori recisi dunque e che siano naturali, come quelli spontanei dei prati, anche in Italia, al pari di molti altri luoghi del mondo alcuni produttori di fiori da taglio stanno convertendo la tradizionale produzione di reciso a favore di specie selvatiche come astranzia, cosmos, dahlia e zinnia e varie ombrellifere che donano leggerezza alla comosizione.

I fiori più trend hanno colori tenui del rosa ed altre tonalità pastello, per creare composizioni romantiche e femminili ed infondere calma e atmosfere rilassanti.

Stile wild

Insieme all’utilizzo dei fiori spontanei, un’altra tendenza prevede l’uso del legno e di tutti quei materiali naturali che sono in grado di conferire alla composizione un aspetto rustico. Un ritorno alle origini, dove elementi poveri raccolti nei boschi come rami secchi, sono semplicemente inseriti in un mazzo di fiori freschi oppure si intrecciano a formare un nido che accoglie piccole piantine fiorite o ancora creano una struttura che fa da base ad un bouquet. Spago e corda grezza sono l’ideale per legare gambi e il fil di ferro può essere arrotolato per costruire insoliti contenitori per piante le cui radici sono avvolte in uno strato di muschio come a formare una sorta di kokedama. Via libera dunque alla fantasia e alla creatività per combinare sapientemente l’uso di pezzi rubati alla natura e realizzare decorazioni originali con ingredienti semplici e facilmente recuperabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *